Comune di Palazzolo Acreide Città Patrimonio dell'Umanità

Itinerario/gita

Palazzolo Acreide: scopri e vivi la Città

Luoghi
vie, piazze, angoli , vedute, monumenti.
Data partenza
02/01/2011
Data ritorno
02/01/2011
Informazioni
rivolgersi a: Ufficio del Turismo tel 0931871260 - 262
Presentato da
Comune di Palazzolo Acreide - Ufficio del Turismo
Descrizione
Dall’alto del massiccio Ibleo, in uno scenario di arcaica bellezza, che ben integra gli insediamenti più recenti con i resti dell’Antica Akrai e della Palatiolum medievale con le ricostruzioni barocche e liberty del XVII e XVIII sec., si estende la splendida cittadina di Palazzolo Acreide. Dalla sommità dell’Acremonte scendiamo più giù e tra le varie terrazze, vicoli e casette si scorgono le prime bellezze architettoniche. La Chiesa dell’Immacolata, dalla facciata convessa, unico esempio del paese, che custodisce al suo interno opere interessanti quali la Madonna della Grazia, opera del Laurana. Ci immettiamo lungo la via principale, Corso Vittorio Emanuele III, costeggiata dai palazzi nobiliari più belli, Palazzo Pizzo, Palazzo Puglisi, Palazzo Judica, e arriviamo alla piazza più importante del paese dove sacro e profano si incontrano nella magnificenza della Chiesa di San Sebastiano, dalla fastosa facciata a tre ordini sobriamente ed elegantemente lavorata, preceduta da una scenografica scalinata che introduce nello splendido interno a tre navate su cui domina l’altare maggiore con i suoi bei marmi e le belle statue in stucco, e l’imponenza del Palazzo di Città, caratterizzato da una struttura architettonica classicheggiante e dalle decorazioni di stile liberty. Allontanandosi dalla piazza si scende verso l’antico quartiere medievale percorrendo la parte settecentesca della via Garibaldi, antica arteria principale, dove si incontrano il Palazzo Ferla di Tristaino, e un’austera costruzione, Palazzo Judica Cafici, sormontata da uno splendido e lungo balcone raffigurante mascheroni e animali mitici di significato allegorico, detti in dialetto “cagnoli” caratteristici di tutti i palazzi barocchi dell’area. Sempre sulla stessa via ma nascosta in una piccola piazzetta c’è la Chiesa di Sant’Antonio Abate, che nasconde delle peculiarità interessanti all’interno in contrasto con la semplicità estrema della facciata. Alla fine della strada sull’altra grande piazza, si apre, quasi nascosta nella sua magnificenza, la Chiesa di San Paolo, modello della facciata barocca alla siciliana dall’ampia scalinata a due rampe e l’ampio portale di bronzo raffigurante e le scene della vita del Santo Patrono del Paese, San Paolo, che si apre sulle tre navate della chiesa impreziosite dalla ricchissima volta. Fra i palazzi che attorniano la basilica si distingue Palazzo Zocco, la cui importanza si deve alle mensole della balconata centrale. Proseguendo verso i quartieri detti di “Castelvecchio” e dello “Spirito Santo”, in cui ancor oggi si possono individuare i ruderi del Castello dei baroni ed il borgo con le sue viuzze che scorrono concentriche e parallele alla residenza baronale, ci troviamo di fronte la più antica e grande chiesa di Palazzolo, la Chiesa Madre, dall’anonima facciata ma dalla straordinaria bellezza interna data dai suoi pilastri e altari laterali che circondano tutta la chiesa. Nelle vicinanze, troviamo la Chiesa dell’Annunziata, che affascina per la bellezza del suo portale adornato da due colonne tortili riccamente decorate con frutta e figure antropomorfe. Risalendo per la via “scalilli”, arriviamo nella parte superiore della città dove si trova la Chiesa di San Michele, che ha riacquistato l’antica bellezza dopo il restauro a causa dei danni del terremoto del 1990. Nell’adiacente quartiere Orologio, all’interno di un antico palazzo baronale del XVIII sec. si trova la Casa Museo di A.Uccello, in cui l’etnologo ha raccolto oggetti, strumenti e tradizioni della cultura contadina siciliana. Nella parte bassa della cittadina vi è la Villa Comunale , inserita nei giardini storici d’Italia per la varietà delle colture e per le sculture al suo interno. La città rappresenta quindi un modello di continuità dello sviluppo creativo nel corso dei secoli che ama vivere di questo amalgama.


Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - il Tempio di Afrodite

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Il Teatro Greco

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Il Cimitero Monumentale

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa dei Padri Cappuccini

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa Madre

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa dell'Annunziata

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa di Sant'Antonio

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide- Chiesa dell'Immacolata

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Piazza del Popolo

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Quartiere San Poalo

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Il Castello Medievale

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa di San Michele

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Chiesa di San Sebastiano

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - I Santoni

Foto dell'itinerario
Palazzolo Acreide - Il Giardino Pubblico